spot_imgspot_img

Mangiare dopo le 23:00: un rischio per la salute

Orari di cena e salute

L’orologio biologico umano è un meccanismo complesso, che regola una serie di funzioni vitali in base al ciclo circadiano. Un recente studio pubblicato su Nutrition & Diabetes ha evidenziato un legame significativo tra il consumo di cibo nelle ore notturne e un aumento del rischio di sviluppare diabete di tipo 2 e mortalità per tutte le cause. Secondo il professor Angelo Avogaro, Presidente della Società Italiana di Diabetologia, il momento in cui si consumano i pasti può avere un impatto significativo sulla salute, soprattutto per i lavoratori notturni e i turnisti.

Lo studio ha coinvolto oltre 41.000 individui, analizzando i dati relativi al consumo di cibo durante le ore notturne e il rischio di sviluppare diabete e mortalità. I risultati hanno mostrato che coloro che cenavano tra le 23:00 e mezzanotte avevano un rischio di mortalità per diabete quasi doppio rispetto a coloro che evitavano di mangiare tarda notte. Inoltre, nel gruppo che consumava pasti ad alto contenuto calorico, il rischio di mortalità generica aumentava del 21%.

I lavoratori turnisti, che costituiscono circa il 18% della forza lavoro in Italia, sembrano essere particolarmente a rischio. Lavorare di notte può influenzare negativamente l’orologio biologico interno, portando a una serie di disturbi metabolici tra cui iperglicemia e aumento dell’indice di massa corporea. Inoltre, i ritmi di vita moderni, caratterizzati da una prolungata esposizione alla luce artificiale durante le ore notturne, interferiscono con la produzione di melatonina, un ormone chiave per il sonno e l’appetito.

Uno studio condotto dall’Università di Uppsala, in Svezia, ha inoltre evidenziato un altro aspetto critico del sonno: la durata. Dormire meno di 5 ore a notte è stato associato a un aumento significativo del rischio di sviluppare diabete di tipo 2, anche in individui con abitudini alimentari sane. Questi risultati sottolineano l’importanza di garantire un sonno di qualità e di evitare il consumo eccessivo di cibo durante le ore notturne per mantenere un buon stato di salute.

L’attenzione al momento e alla qualità del sonno, insieme a una scelta consapevole degli alimenti consumati durante le ore notturne, possono contribuire a ridurre il rischio di sviluppare diabete e altri disturbi metabolici, migliorando così la salute complessiva e il benessere.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli