spot_imgspot_img

Ortopedia, arrivano i robot

Vengono utilizzati soprattutto nella chirurgia protesica

Il robot in sala operatoria, in aiuto del chirurgo ortopedico: sembra uno scenario futuribile ma è di fatto già realtà, seppure agli albori. Ovviamente il “robot” (di fatto un braccio meccanico) lavora sotto stretto controllo dello specialista, secondo un planning studiato nei minimi dettagli prima dell’intervento.

Il suo principale campo d’azione, in ortopedia, è la chirurgia protesica. I punti di forza? L’estrema precisione, bilanciata però dalla difficoltà di cambiare le cose in corsa, quando se ne presenta la necessità. Last but not least, i robot al servizio della sala operatoria sono un vero lusso. Si tratta infatti di una tecnologia estremamente cara, di cui solo pochissime strutture possono disporre oggi.

Seppur con questi limiti, però, è molto, molto probabile che la loro presenza e il loro ruolo in sala operatoria sia destinato ad aumentare con gli anni.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli