spot_imgspot_img

Chilotorace: sintomi e trattamenti

Salute

Il chilotorace è la presenza di liquido linfatico nello spazio pleurico, tra i foglietti che avvolgono i polmoni e la gabbia toracica.

Il liquido linfatico (chilo) ha il compito di trasportare proteine, liquidi e grassi dai tessuti, in particolare dall’intestino, ai vasi sanguigni.

Il chilotorace si verifica quando il liquido linfatico, che in genere si forma nell’apparato digestivo, si accumula nel cavo pleurico a causa di una lesione del dotto toracico che può essere conseguente a un trauma, un intervento chirurgico o a forme tumorali.
Nei bambini, il chilotorace si verifica più frequentemente in seguito a un intervento chirurgico, solitamente a carico dell'esofago o dell'aorta. Solo nel 10% dei casi il chilotorace è congenito. 

sintomi sono ovviamente a carico dell’apparato respiratorio: dispnea (respirazione affannosa e sofferente), tosse, dolore toracico e sensazione di pressione al torace.
Se la malattia origina in epoca prenatale, si possono osservare sviluppo anomalo dei polmoni e idrope fetale, condizione caratterizzata dall'accumulo di liquido nei tessuti sottocutanei e nelle cavità sierose di un feto.

Nel neonato il chilotorace può causare malnutrizione, disidratazione e problemi immunologici.
Per la diagnosi, gli esami necessari sono:
radiografia del torace
ecografia del polmone
TAC e risonanza magnetica
La diagnosi definitiva può essere possibile con la toracentesi diagnostica, cioè una puntura del torace che ha lo scopo di prelevare del liquido pleurico.

La terapia ha il compito di reintegrare le perdite di sali e il deficit di linfociti causato dal loro stravaso nello spazio pleurico, ma è necessario anche evitare le sovrainfezioni batteriche o fungine.

Il trattamento, che è molto spesso di tipo conservativo, consiste nel mettere a digiuno il bambino, che sarà nutrito esclusivamente per via endovenosa; se non ci fosse risposta a questo trattamento, vengono associate infusioni di farmaci specifici come la Somatostatina.

L'intervento chirurgico, invece, è indicato nei pazienti in cui il trattamento conservativo non abbia dato risultati dopo 2-4 settimane. Le caratteristiche dell'intervento dipenderanno dalla causa del chilotorace e dal quadro clinico. 

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli