spot_imgspot_img

Malattie oculari: infezioni da Herpes

Salute

L’Herpes oculare è di più frequente riscontro nei bambini e nei giovani, anche se si può manifestare a qualsiasi età, ed è sostenuto principalmente dal virus Herpes simplex. La malattia compare in genere dopo una settimana dal contagio con sintomi che ricordano quelli della congiuntivite, come fotofobia (fastidio alla luce), arrossamento e lacrimazione abbondante. Per questo motivo spesso si ricorre ai farmaci di automedicazione, che alleviano i sintomi. Tuttavia, può accadere che il virus causi una infiammazione della cornea (cheratite), che nella maggior parte dei casi si risolve senza lasciare traccia, ma a volte può avere conseguenze anche gravi e permanenti per la salute oculare, compresa la compromissione della vista. L’Herpes virus si trasmette per contatto con una persona infetta o anche per autoinfezione, se si ha un Herpes labialis e ci si tocca gli occhi dopo avere sfregato con le dita la lesione sulle labbra. I virus erpetici hanno la caratteristica di rimanere latenti anche per lungo tempo, nascondendosi nelle terminazioni nervose, per poi ricomparire in caso di diminuzione delle difese immunitarie dovuta a stress fisico o psicologico, oppure a situazioni particolari come la gravidanza.

La cheratite da Herpes è l’infezione corneale più frequente e colpisce lo strato superficiale della cornea. Se però l’infezione si spinge più in profondità e raggiunge lo strato centrale della membrana corneale (stroma), la situazione, se non correttamente curata, può diventare pericolosa in quanto può causare la cicatrizzazione della cornea, alterando la visione e provocando, nei casi più gravi, la cecità. Se l’infezione raggiunge l’iride e i corpi ciliari si va incontro a iridociclite, con infiammazione, fotofobia, arrossamento e visione sfocata. Se invece è colpita la retina si parla di retinite erpetica.

Tutto questo fa sì che il medico debba valutare i sintomi, chiedendo anche se il paziente ha avuto qualche tipo di infezione erpetica in passato. La terapia sarà diversa a seconda dell’intensità dell’infezione. L’Herpes oculare superficiale di solito si tratta con colliri o pomate oftalmiche a base di antivirali (aciclovir o ganciclovir) e, nei casi in cui si renda necessaria una terapia per via orale, si possono utilizzare aciclovir o valaciclovir.

Durante la terapia è bene evitare l’uso delle lenti a contatto.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli