spot_imgspot_img

Latte artificiale vs latte materno

Salute

Se l’allattamento al seno non è possibile per qualche ragione medica, ben venga il latte artificiale. Ma se invece non ci sono problemi, ricordiamo che il latte materno è l’alimento più completo per il bambino e che l’allattamento al seno è il gesto più naturale e tenero che ci sia. Il latte materno contiene nutrienti specifici per i neonati della specie umana.

Ma in cosa differiscono esattamente? Nel latte materno il contenuto di proteine è più basso se confrontato con quello di altri mammiferi, ma si adatta perfettamente ai cuccioli umani. Nel latte artificiale la quantità di proteine è più o meno la stessa, ciò che cambia è la qualità. Nel latte umano, infatti, circa la metà delle proteine viene digerita, per l’accrescimento degli organi, l’altra metà svolge diverse funzioni utili all’organismo, come difesa immunitaria (anticorpi) o enzimatica (attività volta a permettere reazioni chimiche importanti). Il contenuto di grassi nel latte materno è abbastanza elevato, in particolare acidi grassi a catena lunga che favoriscono lo sviluppo del cervello, del sistema nervoso e degli occhi.

Nelle formule artificiali si trovano grassi diversi, di solito di origine vegetale, come per esempio olio di palma, colza, girasole o soia. Per quanto riguarda gli zuccheri, il lattosio è contenuto sia nel latte umano che artificiale.

Fin qui le differenze per quanto riguarda il contenuto di nutrienti, ma in realtà il latte materno contiene anche altre sostanze che hanno il compito di far crescere il bambino in salute, come per esempio anticorpi che proteggono dalle malattie, oligosaccaridi per la salute dell’intestino, enzimi che favoriscono il sistema immunitario e la digestione. 

Per finire, ricordiamo che l’allattamento al seno è decisamente più economico rispetto all’acquisto del latte artificiale, oltre al fatto che le poppate notturne sono decisamente più brevi, in quanto basta prendere in braccio il bambino, rispetto allo scaldare il latte, versarlo nel biberon e scaldarlo, prima di darlo al bambino.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli