spot_imgspot_img

Oligoelementi: il cromo

Salute

Il cromo è un minerale il cui simbolo chimico è Cr. Il nome, che deriva dal greco chromos, cioè colore, è dovuto al fatto che i suoi composti sono di colori diversi. Non è molto diffuso in natura e la forma biologicamente attiva è il cromo trivalente.

Il cromo viene utilizzato nell’industria nella preparazione di diverse leghe e per rivestimenti, come preservante del legno e nell’industria tessile, inoltre rientra nella composizione di integratori per uso umano e come colorante nei cosmetici. L’organismo può essere esposto al cromo attraverso la pelle, le vie respiratorie e la bocca, e gli effetti sulla salute dipendono soprattutto dalla forma in cui si trova il cromo e dalle caratteristiche chimico-fisiche della sostanza che lo contiene. I composti di cromo possono essere considerati come cancerogeni per l’uomo, in particolare possono causare tumore al polmone e al naso (in seguito all’inalazione), ma anche le ripetute esposizioni per via cutanea e orale possono incidere.

Il cromo può anche dare sulla pelle effetti sensibilizzanti, come per esempio la dermatite allergica da contatto.

Ma perché il cromo è presente anche in integratori per uso umano? Perché, seppure in piccolissime quantità, è necessario all’organismo, in quanto potenzia l’attività dell’insulina ed è coinvolto nel metabolismo dei carboidrati, dei grassi e delle proteine. Il cromo picolinato è uno dei componenti dei prodotti utilizzati per favorire il dimagrimento e ridurre il grasso corporeo e per tenere sotto controllo la glicemia. Negli alimenti il cromo è presente, ma solo in piccolissime quantità. Ne possiamo trovare nella carne, nei cereali integrali, in alcuni frutti e in alcune verdure.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli