spot_imgspot_img

Pubertà precoce: sintomi e terapia

Salute

La pubertà è il momento della vita nel quale si passa dall’infanzia all’età adulta, con la maturazione dei testicoli nel ragazzo e delle ovaie nelle ragazze e la comparsa delle caratteristiche sessuali secondarie, come la crescita del seno e della peluria sotto le ascelle e sul pube.

Se tutto questo avviene prima degli 8 anni di età nelle bambine e dei 9 anni nei bambini, si parla di pubertà precoce.

La causa spesso non è nota, ma la condizione di solito non è grave. La pubertà precoce può essere associata all’azione di sostanze simili agli estrogeni e agli androgeni che possono essere un po’ ovunque e comportarsi come gli ormoni naturali. Possiamo trovarne in creme e lozioni, nei pesticidi, ma anche negli alimenti, per esempio i fitoestrogeni contenuti nella soia. La pubertà precoce è più frequente nei bambini affetti da obesità.

Il trattamento dipende dalla causa, se identificata, e non sempre è necessario. Per esempio, se il bambino ha un tumore che provoca la produzione di ormoni, la rimozione chirurgica del tumore normalizza la situazione. Nel caso sia necessario, i farmaci utilizzati sono gli analoghi dell’ormone di rilascio delle gonadotropine, come triptorelina e leuprolide che, somministrati una volta ogni 28 giorni per iniezione, ritardano la progressione dello sviluppo. La terapia, in genere ben tollerata, prosegue fino a quando il bambino non ha raggiunto la normale età della pubertà.

Il bambino che raggiunge troppo presto la pubertà può sentirsi diverso dai suoi coetanei e soffrirne. Per questo, oltre al pediatra di famiglia e all’endocrinologo, può essere consigliabile un supporto psicologico.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli