spot_imgspot_img

Come disinfettare una ferita

Salute

Se il disinfettante viene utilizzato in modo improprio, per esempio non rispettando le indicazioni della scheda tecnica riguardo alla concentrazione/diluizione da utilizzare, oppure alle modalità di impiego, possiamo fare danni più o meno rilevanti.

La detersione prima della disinfezione. assolutamente indispensabile, in quanto disinfettare senza pulire non solo è inutile, ma può essere addirittura controproducente, perchè la sporcizia può fungere da barriera protettiva per i batteri, che continuerebbero ad agire indisturbati nonostante la presenza del disinfettante, a volte trovando un ottimo terreno di coltura proprio nello sporco della ferita. La detersione si può eseguire con della soluzione fisiologica, ma in mancanza di questa è possibile utilizzare l’acqua di rubinetto e del sapone. Questa manovra consente di asportare la sporcizia e i detriti presenti nella ferita e di limitare la contaminazione batterica. È importante anche rispettare le indicazioni circa l’eventuale diluizione del disinfettante: se la diluizione fosse più alta, o più bassa, rischieremmo di avere un prodotto finale inefficace.

Anche l’associazione tra più prodotti, a meno che non si sia assolutamente certi dell’assenza di interazioni e/o incompatibilità, è da evitare.

È bene, inoltre, che la bocca del recipiente che contiene il disinfettante non venga a contatto con le mani, con altro materiale e tanto meno con la lesione.

Per essere certi di avere un prodotto valido, dobbiamo conservare il disinfettante al riparo dalla luce e dal calore, ben chiuso nel suo recipiente, per evitare che evapori. La medicazione deve creare un ambiente adatto al processo di guarigione di una ferita.

Per fare questo, essa deve avere determinate caratteristiche:

garantire che l’ambiente rimanga umido, senza però che la ferita si maceri;

• permettere gli scambi gassosi con l’ambiente esterno;

• garantire una temperatura e un pH ottimali per la guarigione;

• non essere allergizzante;

• fungere da barriera protettiva contro l’ingresso di microrganismi;

• non deve essere cambiata troppo spesso;

• non deve rilasciare l’essudato assorbito;

• conformarsi a tutte le lesioni, anche a quelle con superficie irregolare;

• non aderire all’area cutanea lesa e quindi poter essere rimossa con facilità;

• essere economica;

• essere comoda e di facile utilizzo.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli