spot_imgspot_img

Malattie infettive: l’herpesvirus canino

Salute e animali

Sanihelp.it – L’herpesvirus del cane è una malattia infettiva contagiosa. Questo virus è completamente diverso dai virus erpetici che colpiscono le persone ed è specifico del cane, che può anche non mostrare sintomi apparenti se adulto, ma provoca morte dei feti e dei neonati. La trasmissione avviene tramite l’ingestione o l’inalazione di particelle virali dal cane infetto al cane sano, oppure durante l’accoppiamento. Nel maschio adulto l’infezione può passare inosservata, in certi casi si possono manifestare lesioni vescicolari a livello del glande e del prepuzio, mentre nella femmina si possono formare piccole vescicole sui genitali esterni, difficilmente visibili. Quello che non passa inosservato è la difficoltà a intraprendere una gravidanza e, se già incinta, la cagna può andare incontro ad aborto o si può osservare la mortalità dei cuccioli nelle prime due settimane dopo il parto. Possono inoltre comparire in entrambi i sessi rinite, respiro affannoso, diarrea. Quando un cucciolo si infetta, la morte può intervenire entro le prime 24-48 ore dalla comparsa dei sintomi. La diagnosi può essere fatta con test sierologici per stabilire la presenza di anticorpi, o con un test PCR, che rileva il DNA del virus se presente.

Il virus non sopravvive a lungo al di fuori dell’organismo canino e, se un cane si infetta, resta portatore del virus per tutta la vita. 

Se i cuccioli si dovessero infettare, la prima cosa da fare è riscaldarli, utilizzando un materassino riscaldante o una lampada apposita, perché il virus teme il calore, vanno inoltre reidratati con soluzioni elettrolitiche e trattati con antibiotici come copertura contro eventuali infezioni batteriche secondarie.

Esiste in commercio un vaccino specifico, usato per immunizzare le cagne gravide in modo da proteggere i cuccioli dall’infezione, grazie agli anticorpi contenuti nel colostro.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli