spot_imgspot_img

Erbe rilassanti per dormire bene

Salute

L’insonnia è un problema diffuso e ci sono molte persone che usano farmaci ipnoinducenti, senza i quali sarebbe per loro impossibile dormire. Le motivazioni della difficoltà a prendere sonno possono essere diverse: stress, problemi economici o di salute, abuso di sostanze eccitanti come il caffè, cattiva digestione. La natura offre parecchi rimedi per ovviare a questa situazione, che possono essere consumati sotto forma di tisane o di integratori.
Uno dei rimedi più noti è la valeriana, che è indicata contro l’insonnia, lo stress, l’agitazione e l’ansia. 
Il biancospino ha proprietà sedative ed è particolarmente utilizzato contro gli stati ansiosi con palpitazioni cardiache. Chi segue una terapia con farmaci che agiscono sul cuore deve chiedere consiglio al proprio medico curante prima di assumere il biancospino, per evitare interazioni tra erba e medicinali. 
Anche la camomilla è molto usata contro insonnia e agitazione, anche nei più piccoli. Trova indicazione anche per coliche e dismenorrea (dolori mestruali).
L’escolzia è una pianta con fiori di colore giallo-arancione, particolarmente ricca di alcaloidi. Si utilizza nei casi di ritardo nell’addormentamento e nei disturbi gastrici con componente ansiosa.
Non dimentichiamo la passiflora, indicata negli stati di agitazione e di ansia, nell’ipereccitabilità nervosa, negli sbalzi d’umore dovuti alla menopausa. Può essere usata anche nei bambini.
Anche i fiori di lavanda, oltre al bellissimo colore viola, hanno proprietà sedative e vengono usati contro cefalea ed emicrania, disturbi del sonno, turbe dell’umore, disturbi addominali come meteorismo e flatulenza. 
La melissa è un’erba aromatica mediterranea le cui foglie contengono flavonoidi e olio essenziale. Ha un effetto positivo su ansia e insonnia, ha azione spasmolitica e con il suo buon sapore migliora il gusto delle tisane.
Il medico o il farmacista aiuteranno a trovare la giusta combinazione per ciascuno, e se si riuscirà a risolvere il problema evitando l’uso dei farmaci… tanto di guadagnato.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli