spot_imgspot_img

Come prevenire l’osteoporosi

Salute

L’osteoporosi è una malattia cronica, prevalentemente legata all’invecchiamento, caratterizzata da alterazioni della struttura ossea, tali che le ossa risultano meno resistenti al carico meccanico e più soggette al rischio di fratture.
Si stima che in Italia l’osteoporosi colpisca circa 5 milioni di persone, delle quali l’80% sono donne in post menopausa.
Le fratture sono frequenti e possono portare alla perdita della capacità di camminare autonomamente (20% dei casi), alla mortalità (5% nel periodo immediatamente successivo alla frattura, 15-25% dopo un anno) e solo il 30-40% torna alla completa normalità dopo una frattura.
Ma quali sono i fattori predisponenti? Sono diversi:
Età avanzata
Sesso femminile
Famigliarità per osteoporosi
Menopausa precoce
Ipertiroidismo
Dieta povera di calcio
Carenza di vitamina D
Eccesso di alcol e fumo
Vita sedentaria
Terapie croniche con alcuni farmaci, come cortisonici, antiepilettici, anticoagulanti.
È necessario quindi adottare uno stile alimentare più sano e praticare attività fisica. Per prima cosa, evitiamo la carenza di calcio nella dieta, in particolare in alcune situazioni, come la gravidanza e la menopausa.
Il calcio si trova in diversi alimenti, quindi è difficile arrivare a una carenza vera e propria, tuttavia possiamo privilegiare i cibi che ne sono ricchi, come per esempio il latte e i latticini, yogurt e formaggio.
Anche la frutta secca è ricca di calcio, ma non si può consumarne in abbondanza perché è molto calorica.
Questo prezioso minerale si trova infine nelle verdure, nei legumi, negli agrumi e nel pesce, in particolare nel pesce azzurro, nei polpi, nei calamari e nei gamberi. Scegliere un’acqua ricca di calcio potrà completare la nostra dieta.
Il Ministero della Salute suggerisce inoltre di evitare di abbinare alimenti ricchi di calcio e alimenti ricchi di ossalati (come prezzemolo, uva, caffè, the) perché queste sostanze inibiscono l’assorbimento del calcio. Poiché il sodio in eccesso aumenta la perdita di calcio con le urine, meglio evitare di salare troppo gli alimenti.
Ricordiamo infine che la vitamina D è fondamentale per favorire l’assorbimento del calcio e quindi, oltre a introdurla con gli alimenti, quando c’è il sole approfittiamone per stare un po’ all’aperto, esponendo le braccia e il viso al sole: in questo modo favoriremo la produzione di questa vitamina a livello della pelle.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli