spot_imgspot_img

Complicanze del diabete: il piede diabetico

Salute

Piede diabetico è un termine che indica tutte le problematiche cliniche che interessano il piede dei pazienti diabetici e la cui causa specifica è appunto il diabete. Sono patologie legate alle due complicanze croniche del diabete che interessano gli arti inferiori: la neuropatia diabetica e la vasculopatia periferica.
Lo sviluppo di un piede diabetico è sempre preceduto da un lungo periodo, parliamo di anni, di diabete curato male o trascurato, con livelli di glucosio nel sangue (glicemia) costantemente elevati.
sintomi si manifestano a carico delle cartilagini, dei muscoli e dei nervi, con ripercussioni sulle ossa e sulle articolazioni.
Il risultato è che le dita dei piedi tendono a piegarsi (dita a martello) con difficoltà nei movimenti, mentre la pelle, diventata fragile a causa della malattia, si lacera facilmente e compaiono calli e vesciche che, se non trattati, si trasformano in ulcere.
Il piede diabetico è causato da un cattivo controllo della glicemia e da altri fattori di rischio, tra cui l’abitudine al fumo, il colesterolo alto, l’ipertensione, l’obesità, la sedentarietà.
Può riguardare sia pazienti affetti da diabete di tipo I sia pazienti con diabete di tipo 2, quindi si può riscontrare in persone sia giovani che anziane.
Chi è soggetto a questo problema dovrebbe usare calzature e plantari protettivi, che oltre a ridurre il rischio di ulcerazioni, contentono una camminata migliore e più spedita.
Se ci si accorge della presenza di un’ulcera, non tentare il fai da te ma rivolgersi subito al diabetologo, perché se non trattato in modo corretto, il piede diabetico può portare alla cancrena con conseguente amputazione del piede.
Lo specialista può prescrivere, per curare le lesioni, antibiotici per via locale o generale, e valutare la possibilità di intervenire chirurgicamente, oltre a rivedere la terapia al fine di mantenere costante e nei limiti la glicemia.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli