spot_imgspot_img

Sì alle vaccinazioni, sì alla bellezza

Le raccomandazioni in un documento SICPRE

Prima o dopo la vaccinazione contro il Covid-19 ci si può sottoporre senza problemi e senza timori a trattamenti di medicina o chirurgia estetica. È questa, in estrema sintesi, l'indicazione che viene dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica, SICPRE. Semaforo verde per la bellezza, quindi, con la sola avvertenza di osservare qualche giorno di »stop» tra l'inoculazione e le procedure scelte per diventare più belli.

«Come tutti i vaccini – sottolinea Francesco D'Andrea, presidente SICPRE – anche quello contro il SARS-CoV2 può indurre nell'organismo uno stato di debolezza che consiglia di evitare le procedure mediche e chirurgiche elettive e quindi differibili. Detto questo, noi siamo ovviamente a favore dei vaccini e ovviamente convinti del valore delle procedure mediche e chirurgiche che mettiamo a disposizione dei nostri pazienti».

Un'attesa di 14 giorni

Le raccomandazioni pubblicate dalla SICPRE, l'unica società di chirurgia plastica riconosciuta dal Ministero della Salute, tengono conto di tutte le pubblicazioni scientifiche disponibili sull'argomento e delle caratteristiche di ogni singolo vaccino. In linea di massima – ma con l'eccezione di Pfizer/BionTech, per cui tra la prima e la seconda dose si raccomanda di evitare ogni procedura – il tempo che deve intercorrere tra l'inoculazione e i trattamenti di medicina e chirurgia estetica è di 14 giorni.

I medici lo devono sapere, e i pazienti anche. «Chi riceve il vaccino – dice ancora D'Andrea – deve sapere che si tratta di un vero e proprio atto medico, di cui tener conto anche per la programmazione di altri trattamenti. E deve pretendere che tutte le informazioni relative al vaccino, cioè la tipologia e la data in cui è stato effettuato, siano rilevate e annotate con cura». Insomma, non c'è ragione per rinunciare ad essere più belli, ma il »sogno» – in tempo di pandemia più che mai – va gestito con attenzione e inserito in un calendario di prenotazioni e appuntamenti. «Da sempre siamo convinti che la sicurezza sia il valore più importante e che lo si possa raggiungere solo con il massimo della preparazione e della consapevolezza», conclude D'Andrea.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli