spot_imgspot_img

Il digiuno intermittente, quali benefici?

Salute

Digiuno, ovvero il non nutrirsi, può essere praticato per diversi motivi: religiosi, medici o estetici.

Durante il digiuno l’organismo attinge alle riserve di grassi accumulati, in quanto non utilizzati nell’immediato.

Già nel 1997 uno studio pubblicato sulla rivista New England Journal of Medicine rivelava che nei topi di laboratorio mangiare meno migliorava l’aspettativa di vita rallentando i processi di invecchiamento. Ovviamente da allora sono stati condotti centinaia di studi sul digiuno intermittente. Si è visto in particolare che i roditori ai quali era stata messa a disposizione la quantità di cibo per l’intera giornata, la consumavano tutta in poche ore, rimanendo a digiuno fino al pasto successivo.

Questo ha fatto sì che venissero approfonditi i regimi dietetici basati sul digiuno e la chetogenesi, cioè la produzione di energia a partire dalle scorte di nutrienti immagazzinate nell’organismo, indotta da questo tipo di dieta.

Esistono diversi tipi di digiuno intermittente, per esempio in alcuni sono previsti digiuni moderati, con un periodo notturno in cui non si assumono cibo e bevande.

Altri schemi prevedono l’astensione dal cibo per 24 ore. 

Nel primo caso si parla di digiuno breve, da praticare 2-3 giorni alla settimana (non consecutivi), con una prima colazione libera, un pranzo con contenuto di calorie ridotto e un periodo di digiuno fino alla mattina successiva, bevendo solo acqua.

Nei giorni in cui non si segue questo regime si mangia normalmente. Si consiglia di preferire gli alimenti vegetali, legumi, ortaggi e cereali integrali. 

Il mima digiuno, o digiuno modificato, dura 5 giorni, con un consumo calorico di 1000-1100 kcal il primo giorno e 800 kcal nei 4 giorni successivi, da ripetere una volta ogni 3-4 mesi. 

Da tenere presente che, nei giorni considerati liberi, non ci si deve abbuffare come se non ci fosse un domani, ma si deve seguire un regime alimentare normale.

Meglio quindi affidarsi a una persona esperta ed evitare il fai da te.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli