spot_imgspot_img

Gli effetti sulla salute del biossido di azoto

Salute

Il biossido di azoto (NO2) è un gas di colore rosso bruno, con odore forte e pungente, molto tossico e irritante. Può provocare tosse, irritazione agli occhi, al naso e alla gola. Particolarmente sensibili risultano i bambini o i soggetti affetti da patologie dell’apparato respiratorio, come asma e bronchite cronica, ma anche chi risiede in prossimità di strade ad alto traffico, per la lunga durata dell’esposizione. Il biossido di azoto è prodotto principalmente dal traffico veicolare, altre fonti sono gli impianti di riscaldamento civili e industriali, le centrali energetiche e diversi processi industriali. Per ridurre l’esposizione a questo gas, all’interno delle case, è necessario controllare regolarmente i dispositivi a gas, mantenere ben ventilata la cucina, non fumare in ambienti chiusi e far controllare periodicamente i sistemi di ventilazione da tecnici specializzati.

Poiché è più denso dell’aria, il biossido di azoto rimane per lo più a livello del suolo.

Uno studio pubblicato sul British Medical Journal rivela che anche un piccolo aumento della concentrazione di NO2 si può collegare all’aumento dei decessi per cause respiratorie e cardiovascolari.

 «I nostri risultati suggeriscono la necessità di rivedere e rafforzare le attuali linee guida sulla qualità dell'aria e di considerare limiti normativi più severi per le concentrazioni di biossido di azoto» spiega Xia Meng, della Fudan University, Shanghai, in Cina, primo autore dello studio. 

Gli scienziati hanno studiato l’associazione a breve termine tra NO2 e decessi per tutte le cause, per cause cardiovascolari e respiratorie in diverse zone del mondo, come Europa, Nord America e Asia orientale. I risultati suggeriscono prove di un collegamento tra l’esposizione a NO2 e aumento del rischio di decesso totale, cardiovascolare e respiratorio.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli