spot_imgspot_img

Implantologia digitale dei denti: cos’è e a cosa serve

L’implantologia è una delle tecniche odontoiatriche più diffuse e praticate, la quale nel corso degli anni sta subendo dei notevoli miglioramenti grazie all’ausilio di tecnologie all'avanguardia.

L'implantologia permette di sostituire i denti mancanti con denti artificiali, inserendo degli impianti appositi nell’osso, i quali ospiteranno i denti nuovi.

I più innovativi e moderni centri odontoiatrici come AD CARE, ospitano al loro interno strumentazioni all’avanguardia in grado di garantire un risultato finale che sia il più realistico possibile e avvicinarsi così ad una situazione verosimilmente uguale a quella del dente naturale. L’obbiettivo è quello di poter fornire al paziente una protesi fissa e affidabile, che duri nel tempo e che possa coniugare estetica e funzionalità. Il tutto grazie alla simulazione fatta al computer che rende la pianificazione della protesi e la raccolta di tutti i dati necessari del tutto semplice e assolutamente non invasivo per il paziente.

Prima, durante e dopo dell’implantologia digitale

Come spiegato anche sul Ad-care.it, l’implantologia digitale prevede 3 fasi, una preventiva, la fase vera e propria della creazione e installazione della protesi e infine, una fase post-operatoria di controlli sul processo di guarigione.

La prima fase, definita anche pre-operatoria, prevede una TAC dentale CBCT, ovvero una scansione del profilo del viso e soprattutto intraorale affinché si possa analizzare nel dettaglio la situazione esistente e poter da qui studiare ed elaborare la soluzione migliore, che varia di caso in caso.

Successivamente si effettua uno studio estetico del sorriso (attraverso il Digital Smile Design) per mostrare in 3D il risultato finale che il paziente otterrà.

Infine, sempre nella prima fase si effettua anche il Test aMMP8 con il quale si individua l’enzima responsabile del degrado osseo.

La fase intermedia, nonché la vera realizzazione e installazione della protesi è gestita da Ad Care mediante l’utilizzo del sistema X-Guide, ovvero un GPS della chirurgia. Essendo esso dotato di una guida 3D è possibile vedere in tempo reale sia la posizione della fresa ma anche l’anatomia intraorale, così il dentista sarà in grado di prevedere tutti i movimenti e riuscire a controllare la fresa anche quando essa non è visibile. In questo modo si garantisce una precisione assoluta della posizione dell’impianto.

Tutti gli impianti di AD CARE sono a superficie differenziata per garantire un’integrazione iniziale migliore, minimizzando il rigetto e aumentando la resistenza agli agenti patogeni.

L’ultima fase dell’implantologia digitale è quella definita post-operatoria dove il processo di guarigione del paziente viene monitorato mediante radiografie periodiche e test enzimatici, di sanguinamento e di sondaggio.

Nel caso in cui si rivelassero problematiche cliniche come una perdita ossea, grazie alla fase post-operatoria si è in grado di individuare tempestivamente la cura per bloccare questo processo dannoso prima che la situazione diventi ben più critica.

Vantaggi dell’implantologia digitale dei denti

I vantaggi di questa innovativa pratica odontoiatrica, ovvero, l’implantologia digitale sono numerosi:

– Grazie alla fase preventiva si è in grado di conoscere in maniera approfondita la situazione clinica del paziente ed essere in grado di conoscere in anticipo la posizione esatta e precisa dove l’impianto dovrà essere applicato, senza risultare tutto ciò invasivo per il paziente.

– Tutto l’intervento può essere effettuato senza l’ausilio dei bisturi.

– In confronto ad un intervento tradizionale, le tempistiche generali sono molto ridotte anche quelle relative alla guarigione.

– Grazie alle sofisticate tecnologie impiegate si è in grado di individuare e sfruttare al meglio l’osso naturale del paziente senza dover incorrere a interventi più invasivi e impegnativi come gli innesti ossei.

– Grazie all’implantologia digitale è possibile applicare la protesi nuova lo stesso giorno in cui si è effettuato l’intervento.

– Infine, ma non per importanza, questa tipologia di intervento è indicato anche per quei pazienti che nutrono un po’ di timori e paure nei confronti del dentista e di tutto ciò che lo circonda.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli