spot_imgspot_img

Campagna di prevenzione per chi ha avuto infarto o ictus

Al Horowitz, maestro di scacchi, lancia un monito: «una cattiva mossa può rovinarne quaranta ben giocate». Ebbene, questo può valere anche per la prevenzione cardiovascolare, soprattutto in chi ha già avuto problemi. 

La nuova campagna, Il cuore conta su di te – Fai la mossa giusta, promossa da Fondazione italiana per il cuore e Amgen Italia (società di biotecnologia) è accompagnata dall’immagine di una bimba e un anziano che giocano a scacchi ed è rivolta in particolare a coloro che hanno subìto un evento cardiovascolare acuto.

Furio Colivicchi, presidente eletto dell'Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri (Anmco) e direttore del reparto di Cardiologia dell'ospedale San Filippo Neri di Roma, raccomanda che i pazienti che hanno dei precedenti cardiovascolari seguano uno stile di vita corretto, in particolare per quanto riguarda il controllo del colesterolo LDL (il cosiddetto colesterolo cattivo), responsabile del meccanismo di ostruzione delle arterie e quindi di eventi quali l’infarto. 

Tutto questo a maggior ragione in questo periodo, durante il quale si è osservata una riduzione di visite e controlli, che ha portato a un aumento della mortalità.

«Si tratta di un'emergenza nell'emergenza», commenta Emanuela Folco, presidente della Fondazione italiana per il cuore. «Dopo le cure ospedaliere, è fondamentale che il paziente sia reso consapevole che la sua condizione è cambiata, che una volta a casa dovrà saper convivere con una malattia cronica che richiede terapie continuative e in alcuni casi limitazioni rispetto allo stile di vita passato».

Una tra le cose più importanti è mantenere entro i limiti i livelli di colesterolo LDL, ma nonostante oggi vi siano farmaci in grado di aiutare con efficacia, si osserva ancora una scarsa aderenza alla terapia.

«Poiché l'emergenza Covid sta ostacolando le attività all'interno delle strutture – afferma il professor Giovanni Esposito, presidente eletto Gise (Società italiana di cardiologia interventistica) e direttore di Cardiologia, Emodinamica e Utic dell'azienda ospedaliera universitaria Federico II di Napoli- diventa allora importante non solo seguire a distanza i soggetti in terapia con il teleconsulto, ma anche attivare quanti più canali alternativi per continuare a sensibilizzarli».

Sul sito www.ilcuorecontasudite.it è possibile apprendere le buone abitudini per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo, verificare con un test la validità o meno dei comportamenti messi in atto e approfondire la conoscenza delle terapie.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli