spot_imgspot_img

Inappetenza: quali possono essere le cause?

Salute

Qualunque sia la causa, l’inappetenza non va sottovalutata. Può essere temporanea, e in questo caso legata a una malattia, come un’influenza, o a disturbi digestivi, oppure può perdurare nel tempo ed essere dovuta a cause fisiche o psicologiche.
Nei bambini a volte è una forma di protesta inconscia nei confronti dei genitori.

Quando porta a una perdita di peso non voluta, può costituire un campanello d’allarme per altre patologie, motivo per cui bisogna rivolgersi al medico.

Come distinguere un disturbo passeggero, che può capitare a tutti, da un problema più serio? L’inappetenza prolungata genera stanchezza e malessere fisico, dimagrimento, carenze nutrizionali, disidratazione, abbassamento delle difese immunitarie.

Chi soffre di inappetenza non ha fame, anzi prova repulsione di fronte al cibo, mentre, al contrario, chi soffre di anoressia nervosa o bulimia ha fame, ma non vuole mangiare o vomita subito dopo il pasto per lo smodato desiderio di perdere peso.

Ci sono anche cause fisiologiche che giustificano la mancanza di appetito, come per esempio l’età anziana, la gravidanza quando provoca nausee, la fase di dentizione nel bambino, drastici cambiamenti delle abitudini alimentari.

Le cause fisiche sono rappresentate da patologie di vario genere, tra cui i tumori (soprattutto del colon, del pancreas e dello stomaco), problemi digestivi, alcune malattie metaboliche, intolleranze alimentari, stomatiti e mal di denti.

Anche alcuni farmaci, tra cui chemioterapici, fluoxetina, un antidepressivo, e alcuni antibiotici possono far perdere l’appetito, così come l’abuso di droghe o di alcol.

Piuttosto comuni sono anche le cause psicologiche, come per esempio stati di forte stress, depressione, ansia, che possono dare anche la sensazione di nodo allo stomaco.

Oltre a rivolgersi a uno psicologo, chi soffre di questi problemi psicologici dovrebbe fare in modo di avere un’alimentazione equilibrata con cibi sani che risveglino l’appetito, migliorare la qualità del sonno, rispettando gli orari e cercando di sgombrare la mente e di rilassarsi prima di coricarsi, fare un po’ di esercizio fisico che, oltre a mantenere in forma, rende anche più affamati.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli