spot_imgspot_img

Il lockdown è finito, ma proteggiamoci ancora

Salute

«Al momento, il virus continua a diffondersi inosservato e questo presenta un problema significativo, in quanto non siamo ancora sicuri delle conseguenze sulla salute che possono derivare dall'infezione. Fino a quando non saremo a un punto in cui sappiamo cosa è successo e siamo in grado di tracciare i movimenti di ogni caso, dipenderà da noi rimanere protetti», ha dichiarato a Healthline Jason Tetro, microbiologo e conduttore di Super Awesome Science Show.

Disinfettare i telefoni cellulari e altre superfici con disinfettanti adatti può aiutare a proteggersi.

«Secondo uno studio dell'Università dell'Arizona, i telefoni cellulari trasportano 10 volte più batteri dei sedili del water.Quindi diffondiamo costantemente germi e batteri dal nostro telefono alle mani, al viso e viceversa», ha affermato la dott.ssa Julie Jackson, dermatologo.

Poiché i telefoni sono diventati un'estensione di noi stessi, Tetro afferma che dovrebbero essere trattati nello stesso modo in cui trattiamo le nostre mani.

Quando si tratta di dispositivi informatici e apparecchiature simili, Tetro spiega che se sono sempre a casa, c'è meno rischio e possono essere disinfettati meno frequentemente.

Importante è anche la pulizia degli occhiali da vista e da sole, in quanto è probabile toccarli, e toccarsi il viso, quando li si indossa.

Anche le maniglie delle porte possono costituire una via di trasmissione del virus, pertanto è consigliabile igienizzare le mani dopo averle toccate.

Cambiare frequentemente la mascherina, o lavarla e disinfettarla se possibile, è un altro modo per proteggersi.

Particolare attenzione va posta se si devono prendere mezzi pubblici: buona igiene delle mani, distanziamento sociale e uso della mascherina.

Ricordiamo che non è ancora il momento di abbassare la guardia.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli