spot_imgspot_img

Arriva il caldo: mascherina, si o no?

Massimo Clementi, ordinario di Microbiologia e Virologia all'università Vita-Salute San Raffaele di Milano, sostiene che «la mascherina è utile e importante e deve essere mantenuta in ambienti chiusi e condivisi con altre persone, ma vista la situazione attuale in Italia, con l'evidente riduzione della carica virale nei soggetti infettati dal coronavirus Sars-Cov-2 in questo momento, e vista soprattutto la stagionalità, quindi il caldo e il maggiore irraggiamento Uv, all'esterno questa misura risulta non utile e fastidiosa». 

Il professor Clementi sottolinea che non si tratta di un invito a non rispettare le norme di distanziamento, al contrario è una riflessione sul comportamento degli italiani che, a parte qualche caso di non rispetto delle regole, hanno mostrato grande consapevolezza.

Secondo l’esperto, che comunque tiene a precisare che si tratta solo di un’opinione personale, bisognerebbe continuare a rispettare la distanza all’aperto mantenendo anche altre precauzioni, cercando però di tornare gradatamente alla vita normale, per quanto possibile.

Preoccupazione mostra invece il professor Fabrizio Pregliasco, che teme che con il caldo ci si dimentichi delle mascherine. 

Secondo il virologo dell’Università di Milano, come riportato da Adnkronos Salute, le mascherine, che con il caldo possono diventare veramente fastidiose, sono utili per scongiurare l’infezione e la diffusione di questo virus, soprattutto sui mezzi pubblici, nei negozi e comunque in tutti i luoghi chiusi.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli