spot_imgspot_img

La cheratosi attinica: prevenzione e terapia

salute

La cheratosi attinica, o cheratosi solare, è una lesione precancerosa della pelle che appare come una chiazza ruvida e squamosa che si forma dopo anni di esposizione al sole.

Si trova più frequentemente sulle parti del corpo esposte al sole come viso, labbra, orecchie, dorso delle mani, avambracci, spalle, cuoio capelluto e collo.

Lo sviluppo è molto lento e non dà di solito altri disturbi.

Le persone colpite hanno generalmente più di 40 anni, si sono esposte al sole in modo frequente e prolungato, hanno pelle e occhi chiari e capelli biondi o rossi, ma il problema può riguardare chiunque.

Altri fattori di rischio sono la familiarità, un sistema immunitario indebolito da patologie o l’assunzione di terapie farmacologiche che causino un abbassamento delle difese immunitarie.

Una piccola percentuale di lesioni da cheratosi attinica con il tempo può trasformarsi in cancro della pelle, mentre in alcuni casi possono regredire spontaneamente.

La prevenzione si attua esponendosi al sole in modo responsabile, evitando le ore più calde e sempre con la protezione solare ed esaminando regolarmente la superficie del corpo, segnalando eventuali cambiamenti di dimensione, forma o colore di una lesione.

Da ricordare che anche l’abbronzatura artificiale può provocare gli stessi danni dell’esposizione al sole.

Il dermatologo effettua senza difficoltà la diagnosi, con il semplice esame della pelle.

I farmaci prescritti sono creme e gel, che possono causare arrossamento, desquamazione o sensazione di bruciore per alcune settimane.

Le procedure chirurgiche e altri metodi utilizzati per eliminare le cheratosi attiniche includono il congelamento, la raschiatura e la terapia fotodinamica.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli