spot_imgspot_img

Tatuaggi medicali: dalla tricopigmentazione all’oftalmologia

Contro calvizie, imperfezioni e tumori ci aiuta il tatuaggio

L’arte dei tatuaggi è una pratica antichissima. Oggi è impiegata anche per fini curativi. Scopriamo tutte le applicazioni, dalla tricopigmentazione all’oftalmologia.

Tricopigmentazione

È un trattamento medicale non invasivo detto anche micropigmentazione dello scalpo. Consiste nel realizzare un tatuaggio dei capelli che dona un effetto realistico di testa rasata. È utilizzato contro i problemi di calvizie, alopecia e diradamento dei capelli, nonché per coprire le cicatrici post-intervento o da trapianto di capelli.

Chirurgia cranio-facciale

Questa specialità si occupa di correggere le anomalie congenite, post-traumatiche o da tumori dello scheletro dell'estremo cefalico. I tatuaggi nascondono la caduca dei capelli conseguente all’operazione.

Ricostruzione del seno

In caso di mastectomia, il tatuaggio è un modo utile per ridisegnare il capezzolo e l'aureola dopo l'asportazione della mammella colpita da tumore. Rappresenta un'alternativa all'innesto cutaneo.

Chirurgia plastica e ricostruttiva

Il tatuaggio viene spesso utilizzato per correggere le imperfezioni, asimmetrie e irregolarità. In più, vi si può ricorrere per coprire le cicatrici e i segni indelebili causati da tali operazioni.

Radioterapia

I radioterapisti utilizzano il tatuaggio come marker per delimitare l'area che dovranno irradiare. Si tratta di pigmenti sicuri che stanno sostituendo i tradizionali prodotti di marcatura.

Endoscopia

I gastroenterologi utilizzano il tatuaggio endoscopico per contrassegnare il tessuto canceroso, le lesioni e i polipi sospetti al fine di identificarli meglio durante l'intervento chirurgico o nelle visite di controllo.

Oftalmologia

Gli oculisti fanno uso del tatuaggio corneale per ridare pigmentazione all'occhio dei non vedenti, per correggere cicatrici e opacità della cornea, nonché per migliorare la vista.

Le applicazioni del tatuaggio medicale fanno progressi continui. In ogni caso, raccomandiamo di rivolgersi sempre a professionisti esperti e cliniche specializzate e autorizzate.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli