spot_imgspot_img

Quando l’anestetico diventa sostanza d’abuso: la ketamina

Salute

La ketamina è un farmaco ad azione anestetica generale, caratterizzato dalla rapidità d’azione. Fa parte degli antagonisti del sistema eccitatorio, ma viene scarsamente utilizzato in anestesiologia umana a causa dei suoi effetti disforizzanti. La disforia è un disturbo dell’umore che dà sentimenti negativi, come tristezza, inquietudine, frustrazione, sbalzi di umore, praticamente l’opposto dell’euforia.

La ketamina è un anestetico dissociativo perchè causa uno stato catalettico (il paziente è dissociato dall’ambiente esterno), amnesia e analgesia, senza perdita di coscienza.
Il farmaco ha anche una elevata attività analgesica, associata però a intensi effetti collaterali, soprattutto causati dalla stimolazione del sistema cardiovascolare, con un aumento transitorio della pressione, della frequenza del battito e della gittata cardiaca.
Un report pubblicato dall'Istituto superiore di Sanità rileva che si è registrato un notevole incremento nei sequestri di ketamina. Nel primo semestre post lock down si è registrato un incremento del 200% nelle segnalazioni di Nuove Sostanze Psicoattive, rispetto al periodo precedente. 
Si ipotizza che la ketamina venduta sul mercato illecito arrivi dalla distrazione di prodotti farmaceutici commerciali. Le preparazioni farmaceutiche sono quasi sempre soluzioni che vengono evaporate e poi essiccate per l’uso illegale al fine di ottenere polveri o compresse. 
La ketamina è stata rilevata anche in compresse vendute come ecstasy o come adulterante di altre droghe quali cocaina, amfetamine, eroina. Nel mercato illecito si trova sotto forma di liquido, capsule e polvere cristallina. La ketamina fa sviluppare rapidamente tolleranza tanto da comportare un aumento progressivo delle dosi per raggiungere gli effetti desiderati, con implicazioni tossicologiche non note. L’uso ricreazionale di ketamina può far sviluppare, inoltre, dipendenza psicologica alla sostanza. Non è noto se produca o meno sindrome di astinenza nell’uomo. 

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli