spot_imgspot_img

Luce blu: cos’è e perché utilizzare gli occhiali con filtro

Negli ultimi tempi si sente parlare più spesso di occhiali anti-luce blu, in grado cioè di filtrare la luce degli schermi dei dispositivi digitali, che si tratti di PC, tablet, smartphone o televisore.

La loro funzione principale è quella di proteggere la vista e gli occhi dai danni che possono essere arrecati da un’eccessiva esposizione alla luce di questi dispositivi.

Esigenze lavorative, tempo libero, acquisti, aggiornamenti e social network sono le ragioni principali che inducono le persone a trascorrere sempre più ore dinanzi allo schermo di un dispositivo digitale e, a lungo andare, questo può avere effetti nocivi sia sulla vista che sul cervello.

È importante, dunque, quando si ha necessità di indossare degli occhiali per correggere eventuali difetti visivi, accertarsi che siano montate lenti in grado di proteggere gli occhi dalla luce blu, come nel caso delle lenti Zeiss con filtro luce blu.

In questo modo si possono ridurre o evitare completamente gli effetti negativi di questo tipo di luce sui propri occhi.

Scopriamo più nel dettaglio, però, cos’è la luce blu, quali danni può causare e come si vede con gli occhiali dotati di filtro anti-luce blu.

Cos’è la luce blu

La luce svolge un ruolo molto importante nella nostra vita. Ci permette di vedere, di svolgere attività anche quando il sole è tramontato e ci aiuta a regolare il ritmo biologico sonno-veglia.

Non è un caso che nelle giornate di sole, o negli ambienti molto illuminati, aumenti la nostra voglia di fare, ci sentiamo più energici e ci aiuta a restare svegli.

È un aspetto senz’altro positivo, ma, un’eccessiva esposizione alla luce può alterare significativamente il ritmo circadiano (sonno-veglia).

La luce blu emessa dai dispositivi digitali, come la luce a LED, agisce sul nostro benessere psicofisico proprio in questo senso.

Oltre, quindi, a provocare eventuali problemi di affaticamento e all’inasprimento dei disturbi alla vista, può causare stress, provocare insonnia e irritabilità.

Riuscire a proteggersi dalla luce blu emessa dai dispositivi digitali, quindi, vuol dire evitare di incorrere in questo tipo di problemi.

                                                                                                                                                         

Gli effetti negativi della luce blu sugli occhi        

Restringendo il discorso solo al benessere degli occhi e della vista, l’esposizione continua alla luce blu, possibile sia in interni sia in esterni, in grandi quantità, può essere alla base di diversi disturbi e problemi di visione.

Questa, infatti, potrebbe provocare la degenerazione maculare della retina, infiammazioni alla cornea e accelerare l’invecchiamento del cristallino.

La quantità di luce blu emessa dai dispositivi digitali, non è paragonabile a quella del sole, ma è noto che davanti agli schermi gli occhi tendono a ridurre i naturali meccanismi di protezione contro un eccesso di luce (frequente chiusura delle palpebre, restringimento della pupilla). Si tende, infatti, a fissare lo schermo tenendo gli occhi ben aperti per un periodo prolungato di tempo, senza sbattere le palpebre. A lungo andare, questo provoca bruciore agli occhi, mal di testa, vista annebbiata e stanchezza, tutto ciò anche a causa della presenza di luce blu.

Gli occhiali con lenti anti-luce blu

Per capire se un paio di occhiali siano dotati di lenti con filtro anti-luce blu, oltre a richiedere verifica presso un negozio di ottica, si possono indossare e provare la qualità dell’immagine restituita da uno schermo di un dispositivo digitale. Di solito, guardando lo schermo con questa tipologia di lenti, si avrà la sensazione di una luce più naturale, calda, emanata dallo schermo e non fredda come generalmente siamo abituati a percepirla.

Con il test meccanico, invece, la lente viene esposta a un fascio di luce con una frequenza d’onda uguale a quella degli schermi. Se il raggio non riesce a oltrepassare la lente, vuol dire che questa è in grado di catturare la luce blu, filtrarla e proteggere gli occhi all’esposizione.        

FonteZEISS
spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli