spot_imgspot_img

Allergia alla carne rossa: dipende dal gruppo sanguigno

Nuovi tipi di allergie

Alcuni anni or sono è stata scoperta una specifica allergia alla carne rossa – manzo, maiale, cavallo, cervo e agnello. Fino ad oggi, tuttavia, non era chiaro da che cosa fosse determinata e quali fossero le persone più a rischio. Grazie a uno studio, recentemente pubblicato in un supplemento online del Journal of Allergy e Clinical Immunology, è emerso che sarebbero maggiormente esposti all’allergia taluni gruppi sanguigni.

Stando alla ricerca – presentata al Congresso congiunto di AAAAI  (American Academy of Allergy, Asthma and Immunologye) e WAO (World Allergy Organization), tenutosi in Florida – si tratta, in particolare, del gruppo A e del gruppo 0, mentre meno esposti sarebbero il gruppo AB e quello B: questi ultimi, secondo lo studio, avrebbero infatti una probabilità cinque volte inferiore di manifestare questa strana allergia

L'allergia alla carne rossa è una reazione eccessiva provocata da specifici anticorpi, gli IgE. A scatenare tale reazione sarebbe l’alpha-Gal, uno zucchero che è presente in questo alimento, e sarebbe dovuta al morso di una zecca, la Lone Star. La nuova ricerca suggerisce, sostanzialmente, che alcuni tipi gruppi sanguigni possono avere un effetto protettivo contro questo tipo di allergia.

Per giungere a tale scoperta, gli scienziati hanno osservato e confrontato i dati relativi ad un campione di 280 persone aventi gruppi sanguigni 0, A, B e AB; di queste, 92 presentavano un'allergia alla carne rossa. Ci si aspettava che le persone con gruppi sanguigni B o AB rappresentassero circa il 20% dei casi totali di allergia, invece è emerso che solo il 4,35% dei pazienti allergici alla carne rossa aveva un gruppo sanguigno con l'antigene B.

La struttura molecolare dell'alpha-Gal è simile a quella dell'antigene B, un carboidrato presente nelle cellule del sangue di persone con gruppi sanguigni B o AB. Si è pertanto ipotizzato che le persone che esprimono l'antigene B hanno sistemi immunitari che sono addestrati ad ignorare l’alpha-Gal perché sembra un innocuo auto-antigene. Se ciò è corretto, le persone che producono l'antigene B dovrebbero avere meno probabilità di sottoporsi a sensibilizzazione allergica all'alpha-Gal e, successivamente, essere protette dallo sviluppo di allergie alla carne rossa.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli