spot_imgspot_img

Al Mido per vederci chiaro

Record assoluto del made in Italy

Dimmi come vedi e ti dirò che gli occhiali sono di moda, quali ti fanno vedere bene, quali ti preservano la vista, quali sono  invece un vezzo utile, quali faranno parte del look del futuro (o delle prossime sfilate di moda).

Dimmi che occhiali ti metti e ti dirò che loro sono l’accessorio più cool del momento. Strizzando anche …. l’occhio alla salute.

A dirlo non è una passerella di Milano Moda, ma  il successo di questa edizione record di Mido, la tradizionale fiera degli occhiali, che per la sua edizione numero 48 (dal 24 al 26 febbraio 2018 nei padiglioni della Fiera di Milano a Rho), si presenta un grande spolvero e riafferma senza dubbio un ruolo mondiale nel settore, facendosi anche guida internazionale delle tendenze dell'occhialeria.

I numeri da record sono sicuramente nella presenza di espositori,1305 provenienti da 5 continenti e sono 52.000 mq da vedere dietro a due lenti attraversando con interesse ben 7 padiglioni che risultano al completo e che fanno del Mido l'evento top dell’anno per  il settore dell'occhialeria mondiale. Ma questo successo non è solo nei numeri, è anche un successo emotivo come si capisce bene dalle parole degli addetti ai lavori.

A questa edizione di Mido, insomma, bisogna proprio esserci ed è soprattutto il Made in Italy a far lustrare gli occhi, perché recita alla grande il suo ruolo di leader nell'eyewear dell'alto di gamma, un fatto ormai consolidato.

Innovazione, tecnicità e tecnologia (soprattutto nei sistemi produttivi), ma anche creatività e design, tipicamente italiani, sono gli elementi che caratterizzano questo grande evento 2018. Senza togliere spazio al settore fondamentale della salute e della  prevenzione, che ha un legame profondo e piacevole in questo settore. Gli organizzatori di Mido hanno investito molto su questo punto, studiando anche un allestimento della fiera specializzata – totalmente mondiale ma fortemente caratterizzata dal tricolore – con l’obiettivo di emozionare una volta che ci si trova dentro, e proprio attraverso la vista: passeggiando fra i padiglioni e i corridoi disegnati con particolare creatività.

«È veramente così – spiega Nicoletta Monteverdi retail manager di Grand Vision Italy, leader di mercato in Italia – e ti viene la pelle d’oca a girare in questi padiglioni che sono la vetrina del nostro fashion, si celebra la nostra grandezza ed è un orgoglio internazionale. Questa leadership si percepisce non solo per i prodotti ma anche per l’esposizione, per l’allestimento degli stand e della fiera tutta, dove spicca la presenza dei produttori asiatici che sono qui non più solo come visitatori ma anche come produttori. E questo non deve spaventarci, anzi, deve essere e lo è uno stimolo per le case produttrici italiane che si devono adattare alla richiesta di un mercato globale che contempla una fisionomia diversa da curare, ad esempio quella dei cinesi».

Molto importante è poi l’area dedicata all’healthcare: «I padiglioni della vista sono lo specchio dell’innovazione con molta attenzione alla salute, con la proposta di lenti con protezione e blocco ai raggi blu e con la protezione fondamentale agli UV. È la combinazione affascinante del confort legato alla leggerezza e al design, sulla spinta della prevenzione per la salute degli occhi».

Per vederci meglio non resta che andare in Fiera.  Al Mido record 2018.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli