spot_imgspot_img

Dodici limoni per combattere il tumore del seno

Dodici anomalie della mammella rappresentate nel frutto

Si chiama #KnowYourLemons, ed è la nuova campagna di sensibilizzazione contro il tumore al seno: un’immagine di una dozzina di limoni con cui l’organizzazione Worldwide Breast Cancer intende informare le donne sui possibili sintomi di un carcinoma alla mammella, mettendole inoltre al corrente circa l’importanza di effettuare controlli perodici.

L’immagine, realizzata da Corrine Ellsworth Beaumont nell’ambito della campagna ‘Conosci i tuoi limoni’, mostra 12 limoni a rappresentanza simbolica di 12 seni in miniatura con diverse anomalie, tutte sintomo di una possibile presenza di carcinoma.

Erin Smith Chieze, una signora statunitense affetta da tumore al seno, alla quale pare si debba la diffusione dell’iniziativa tramite social-network, ha dichiarato che quest’immagine è sicuramente più efficace rispetto alla precedente campagna di prevenzione del tumore al seno che invitava le donne a condividere dei cuoricini nella propria bacheca: «abbiamo bisogno di informazioni reali, non di cuoricini – commenta Erin – se non mi fossi imbattuta per caso in un’immagine simile a questa, non avrei mai saputo cosa fare. Per favore, smettete di fare giochi che non promuovono davvero la prevenzione».

Vi è anche, tuttavia, chi si dichiara più cauta: Alessandra Gennari, oncologa e ricercatrice dell’Airc (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro), afferma che l’immagine dei limoni può rischiare di confondere le idee: «è vero che quelli sono i sintomi con i quali si può presentare il tumore al seno, ma è pur vero che quasi tutti i limoni sono ad uno stadio avanzato e nella maggior parte dei casi, quando si arriva a quello stadio, non si tratta più di una forma curabile. Il nostro obiettivo è non arrivare ad avere sintomi evidenti, ma accorgersene prima attraverso i controlli preventivi. L’immagine può andar bene, se vista però nell’ottica di promemoria di come non deve essere il nostro seno. Per non arrivare a quei livelli ci sono gli screening da effettuare con regolarità, fortunatamente in Italia questa abitudine si sta estendendo sempre più a tutte le donne».

L'immagine presenta vari tipi di anomalie. La thik mass rappresenta l'ispessimento cutaneo localizzato; il bump una deformazione esterna del profilo; l'indentation una retrazione cutanea; growing vein una vena che cambia aspetto; skin sores per le lesioni cutanee; retracted nipple una retrazione del capezzolo; redness or heat il calore o arrossamento cutaneo; new shape/size un cambiamento di forma/dimensione; unusual or new fluid la fuoriuscita di fluido ematico dal capezzolo; orange peel skin la pelle a buccia d’arancia; dimpling le fossette o Irregolarità cutanee; hidden lump un nodulo sottocutaneo. In generale, un grumo cancerogeno è spesso duro e fisso come il seme di un limone: dunque, se notate cambiamenti simili, rivolgetevi subito a un medico.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli