spot_imgspot_img

5 spezie che non devono mai mancare nella nostra dieta

«Spice up your life!», ovvero «rendi più speziata la tua vita!». Si tratta di un singolo di qualche anno fa del gruppo inglese delle Spice Girls, titolo di una canzone che è divenuta più che altro un motto per la band del Girl Power anni '90. Ma in realtà potrebbe trasformarsi più che altro un consiglio medico per una vita più lunga e sana. Secondo quanto rivelato da alcuni nutrizionisti al Daily Mail Online, esistono infatti almeno cinque spezie che, se assunte con regolarità, aiuterebbero il nostro organismo ad essere più in forma.

La prima ad essere citata nell'articolo è la cannella. Secondo uno studio comparso sulla rivista specializzata Journal of Neuroimmune Pharmacology questa spezia, utilizzata spesso in cucina nei dolci e per rendere più buone le mele, migliorerebbe le capacità di apprendimento di chi la assume stimolando l'ippocampo, la zona del cervello dove vengono immagazzinate le informazioni riguardanti la memoria. Ma i vantaggi della cannella non si limiterebbero a questo: si tratterebbe di un sostituto naturale dello zucchero, molto più salutare rispetto a quelli artificiali contenuti in molti prodotti, che avrebbero quale controindicazione effetti come depressione, sbalzi d'umore e aumento dell'appetito.

La seconda sostanza citata è la curcuma. Particolarmente apprezzata nella cucina indiana, questa spezia contiene anche importanti principi attivi: come la curcumina, molecola dalla potente attività antiossidante e antinfiammatoria, che gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione di patologie quali tumori e condizioni cardiovascolari. Importante anche lo zenzero: possiede un effetto calmante per quel che riguarda il sistema digestivo, aiuta a trattare le nausee in gravidanza e stimola la circolazione, permettendo ai vari nutrienti vitali di raggiungere ogni organo.

Apprezzatissimo in medicina anche lo zafferano. La tipica spezia che conferisce il classico colore giallo al risotto alla milanese è conosciuta sin dai tempi dei Persiani per le sue proprietà officinali: la sua assunzione contribuisce infatti al rilascio di serotonina, neurotrasmettitore che migliora l'umore sostituendo, in questo senso, il ricorso ai dolciumi, che possiedono quale effetto collaterale l'aumento di peso e dei livelli di glicemia nel sangue. Ultimo ma non ultimo, il peperoncino di Cayenna. La spezia piccante per eccellenza contiene al suo interno la capsaicina, molecola portentosa che stimola il metabolismo e migliora la capacità dell'organismo di bruciare i grassi inducendo la termogenesi. 

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli