spot_imgspot_img

Dal diabete di tipo 2 si può guarire: basta perdere peso

Eliminare il grasso dal pancreas normalizza l'insulina

Dall'Inghilterra arriva una scoperta rivoluzionaria che potrebbe marcare la differenza per quel che concerne la comprensione, e di conseguenza il trattamento, di una patologia in fortissima crescita: il diabete di tipo 2. Basti pensare che, se nel 1985 i casi registrati erano circa 30 milioni in tutto il mondo nel 2010, a distanza di soli 25 anni, questa cifra è salita a 285 milioni. Tuttavia, uno studio della Newcastle University può aiutare ad invertire la tendenza. Secondo quanto svelato dai ricercatori inglesi la patologia può essere sconfitta grazie ad una particolare dieta di sole otto settimane: persino chi soffriva di diabete di tipo 2 da dieci anni, infatti, ha visto una regressione della sua condizione grazie alla restrizione dell'alimentazione per due mesi; e sei mesi dopo la sperimentazione, i partecipanti allo studio erano ancora sani.

Dunque, i miracolosi effetti di questa dieta sembrerebbero anche duraturi: una notizia incredibile se pensiamo che, fino ad oggi, il diabete di tipo 2 era considerata malattia incurabile una volta che si manifestava. La terapia è volta infatti a mantenere sotto controllo la patologia, onde evitare gli effetti collaterali più gravosi per la salute dell'uomo, quali amputazione degli arti, perdita della vista e maggior rischio di infarto del miocardio. Tuttavia, le prove che testimoniano come dimagrire possa rappresentare la maniera di sconfiggere definitivamente la condizione stanno crescendo: questo perché liberare il pancreas dalle cellule di grasso in eccesso permetterebbe alla produzione di insulina di tornare ai suoi livelli normali.

Certo nessuno avrebbe osato dimostrarsi talmente ottimista da pensare che il diabete di tipo 2 non solo possiede un decorso reversibile, ma che questo possa avvenire nel giro di poche settimane. Per farlo, occorre però avere la forza di volontà di mantenere una rigida dieta composta di sole 3 bevande dietetiche al giorno e alcune verdure, per un totale di 700 calorie. I partecipanti allo studio hanno perso in media 14 kg al termine dei due mesi: 12 di essi, su 30, hanno anche visto la loro malattia sparire, e la produzione di insulina tornare nella norma. Dopo la sperimentazione, ai volontari veniva permesso di tornare gradualmente su livelli di alimentazione nella norma, che corrispondevano comunque ad un introito giornaliero di calorie minore di 1/3 di quanto assumevano in precedenza.

Dopo sei mesi, nessuno dei partecipanti allo studio aveva ripreso peso: e, pur rimanendo soggetti sovrappeso, nessuno di quelli a cui il diabete era sparito l'ha visto tornare. Secondo quanto si legge sulla rivista specializzata Diabetes Care, siamo di fronte ad un cambio di prospettiva nei confronti della malattia: se in precedenza a tutti i pazienti a cui veniva diagnosticato il diabete di tipo 2 veniva detto di rassegnarsi ed accettarne l'inevitabile decorso vita natural durante, ora esistono prove che dimostrano di come al contrario esso possa essere considerato quale una sindrome metabolica potenzialmente reversibile tramite una sostanziale perdita di peso. Una scoperta che darà sicuramente maggiore speranza a tutti coloro che soffrono di questa patologia.  

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli