spot_imgspot_img

Il cervello rivela se e quale strumento sai suonare

Merito delle onde cerebrali della corteccia prefrontale

Affascinante scoperta dei ricercatori italiani dell'Università di Milano-Bicocca: secondo la loro sperimentazione, pubblicata sulla rivista specializzata Music Perception della University of California Press, da una lettura delle onde cerebrali non solo si può capire se una persona sappia suonare o meno uno strumento, ma persino che tipo di strumento suona. Per giungere a questa conclusione, gli esperti del Dipartimento di Psicologia dell'ateneo meneghino hanno condotto uno studio su 10 diplomati del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, di età compresa tra i 21 e i 32 anni.

I musicisti in questione sono stati messi a confronto con un gruppo di controllo di altrettanti volontari pari età, frequentanti l'università ma non musicisti. L'esperimento prevedeva di mettere ogni partecipante in una cabina isolata a livello acustico, in cui si eseguivano solo poche note di uno strumento musicale, quali violini o clarinetti. Monitorando la reazione cerebrale dei ragazzi a questo piccolo stimolo sensoriale, i ricercatori italiani si sono accorti di come i neuroni della corteccia prefrontale si attivassero, mandando un segnale bioelettrico: l'intensità dell'attività neuronale dipendeva appunto dalla familiarità di una persona con determinati strumenti musicali.

Tuttavia, contrariamente a quanto si possa credere, l'intensità della reazione cerebrale era più forte nel caso di volontari non musicisti: questo perché la persona in questione deve impegnarsi maggiormente per riconoscere un determinato suono. Coerentemente con questa scoperta, il livello di attività neuronale in una persona che pratica lo stesso strumento quotidianamente risultava basso, perché maggiormente abituato a riconoscerne il suono anche dopo poche note: mentre, per coloro i quali praticano quotidianamente uno strumento musicale diverso da quello proposto, l'intensità della reazione nella corteccia prefrontale, regione del cervello che codifica tutti gli stimoli, anche quelli uditivi, si presentava come media. Per questo motivo, per capire se un individuo è avvezzo ad uno strumento musicale, basta leggere le sue onde cerebrali: o, magari, chiedergli di suonare.  

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli