spot_imgspot_img

Bollini Rosa: premiati 249 ospedali ‘amici delle donne’

Nuovo Network per Programma dedicato alla salute femminile

Mercoledì 16 dicembre, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, si è svolta la cerimonia di assegnazione dei ‪Bollini Rosa per il biennio 2016-2017, un riconoscimento avviato già nel 2007 dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) con l'obiettivo di individuare e premiare gli ospedali italiani particolarmente attenti alle esigenze dell'utenza femminile.

«Con 249 ospedali premiati con i Bollini Rosa (le cui specificità sono riportate sul sito www.bollinirosa.it) di cui quasi 50 nuovi e un notevole incremento della presenza di strutture anche nelle regioni dell’Italia meridionale, possiamo dire di essere soddisfatti, in quanto si è allargata e potenziata l’offerta territoriale di servizi rivolti alle donne, recependo quanto indicato nel primo punto del ‘Manifesto sulla salute della donna’ presentato a EXPO 2015» afferma Francesca Merzagora, Presidente di Onda.

«La partecipazione di questi ospedali, che mettono a disposizione prestazioni cliniche e diagnostiche gratuite, in occasione di giornate dedicate a talune patologie femminili, è un segno tangibile di interesse per la  salute della donna, che siamo certi si rinnoverà anche per il  prossimo biennio – prosegue la Marzagora – Questa nuova edizione del Bando ‘Bollini Rosa’ conferma l’impegno di Onda nel promuovere un approccio ‘di genere’ nell’offerta dei servizi socio-sanitari, imprescindibile per poter garantire una corretta presa in carico della paziente in tutte le fasi della vita femminile».

Oltre a premiare la presenza, all’interno delle aree specialistiche di maggior rilievo clinico ed epidemiologico, di servizi rivolti alla popolazione femminile, in questa edizione sono state attuate alcune importanti modifiche, dall'introduzione di una sezione dedicata alla prevenzione per la diagnosi precoce delle principali patologie oncologiche di interesse femminile, fino ad arrivare all'inserimento di focus dedicati all’Interruzione Volontaria di Gravidanza, alla contraccezione e alle Malattie Sessualmente Trasmissibili.

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli