spot_imgspot_img

Genitori si può, anche con la Sclerosi Multipla

Al via la campagna di informazione su genitorialità e SM

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia cronica progressiva causata da un difetto del sistema immunitario che attacca la guaina mielinica (una sostanza composta da acidi grassi che riveste i nervi) causando delle lesioni che impediscono agli impulsi nervosi di essere trasmessi correttamente.

In Italia, le persone colpite da Sclerosi Multipla sono circa 68.000, in prevalenza donne tra i 20 e i 40 anni, ovvero una fascia di età particolarmente sensibile alla tematica della genitorialità e per questo spesso vittima, proprio a causa della malattia, di grandi dubbi e paure.

«La sclerosi multipla – sottolinea Gioacchino Tedeschi, Professore Ordinario di Neurologia e Direttore della I Clinica Neurologica della Seconda Università di Napoli – rappresenta una diagnosi importante da seguire e trattare con rigore scientifico sulla quale bisogna contrastare un forte pregiudizio: si immagina che chi ne è affetto non possa mai diventare genitore e che, se donna, non riesca a sopportare il peso fisico e psicologico della gravidanza e del parto».

Proprio con l’obiettivo di smentire questo pregiudizio e aiutare le coppie con sclerosi multipla a vincere le paure e i dubbi di realizzare il loro progetto di genitorialità, è nata la campagna di sensibilizzazione ed informazione ‘Genitori si può, anche con la Sclerosi Multipla’, che attraverso un emozionante reportage racconta la storia di cinque coppie, con uno dei due partner affetti da SM, e la loro scelta di avere un bambino.

«Sino agli ultimi anni dello scorso secolo alle donne con diagnosi di SM veniva sconsigliata la gravidanza perché non si conoscevano gli effetti che questa avrebbe potuto avere sulla malattia e, viceversa, quelli che la malattia avrebbe potuto avere sulla gravidanza – aggiunge il dottor Luigi Lavorgna, Neurologo del Centro di Napoli – Gli studi condotti nel corso degli ultimi anni hanno però ormai stabilito che il decorso nel lungo periodo della SM non viene influenzato dalla gravidanza. Anzi, in gravidanza, con il fisiologico aumento degli estrogeni, si ha un effetto protettivo per quanto riguarda le ricadute cliniche della malattia. Diventare genitori, insomma, è un sogno possibile».

L’iniziativa, nata da un'idea del Centro per la Sclerosi Multipla della Seconda Università di Napoli e supportata da Merck, proseguirà a gennaio 2016 con una mostra itinerante, dove verranno esposti scatti fotografici e video-racconti (già accessibili sul sito www.genitoriconsclerosimultipla.it) per incoraggiare e aiutare le coppie italiane con SM a intraprendere il loro progetto di genitorialità.

«Sarebbe stato un peccato privarsi di una gioia così grande solo per una malattia che, almeno per ora, non ci toglie nulla – conclude Vinaud guardando dolcemente Giusy ed il suo pancione, tra i protagonisti della campagna – Sentiamo, sappiamo che ce la possiamo fare benissimo».

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli