spot_imgspot_img

SkinVision è il selfie che valuta il rischio di melanoma

Nuovi strumenti di pre-diagnosi

Tra le manie del mondo moderno arriva un selfie utile, un autoscatto, un'istantanea di se stessi catturata con lo smartphone senza l'aiuto di nessun altro il cui scopo non è più solo quello di condividere sui vari social network.

Quella che sembra semplicemente l'ultima moda in fatto di piattaforme internet, potrebbe presto trasformarsi in qualcosa di più utile per l'essere umano. Si tratta di una nuova applicazione per cellulare, denominata SkinVision, che utilizza proprio questi autoscatti per misurare il rischio di insorgenza di melanoma. Gli ideatori di questa App affermano che ponendo l'obiettivo di fronte ai nei e altre imperfezioni dell'epidermide, SkinVision sarebbe in grado di valutarne la percentuale di pericolo, con un'accuratezza che raggiungerebbe l'83%. Questa nuova applicazione non va a sostituire una visita medica approfondita ma è un semplice strumento di pre-diagnosi che può aumentare il livello di attenzione verso il cancro della pelle e andare ad identificarlo nella maniera più tempestiva possibile.

Per misurare il rischio di melanoma, SkinVision si basa su complicati algoritmi di geometria frattale, di modo da analizzare ogni lesione della pelle con una buona dose di precisione. L'amministratore delegato dell'azienda che ha creato quest'applicazione, Dick Uyttewaal, ha tenuto a precisare come «tale tecnologia non sia stata sviluppata per andare a sostituire le visite specialistiche, ma semplicemente per tenere d'occhio la salute della nostra pelle nei periodi tra un test e l'altro, e andare ad aumentare la sensibilizzazione e la prevenzione di questa terribile malattia. Se il tumore della pelle, ovviamente diagnosticato tempestivamente, risulta piuttosto curabile e porta alla sopravvivenza del 91% dei pazienti entro 5 anni, il melanoma è invece molto più pericoloso: se non identificato durante le sue fasi iniziali è spesso letale, e causa infatti il 75% dei decessi legati alle neoplasie che colpiscono la cute». 

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli