spot_imgspot_img

Le case dei fumatori? Inquinate quanto Londra e Pechino

Da tempo conosciamo i pericoli dell'abitudine alla sigaretta: il tabagismo rappresenta infatti una delle cause principali di morte evitabili, in quanto la dipendenza da nicotina risulta uno dei maggiori fattori nello sviluppo di patologie quali tumore al polmone, enfisema e condizioni a carico del cuore. Risultano piuttosto risaputi anche i danni che può provocare il fumo passivo, ovvero sia quella quantità di fumo assorbita involontariamente per la semplice presenza contemporanea di fumatori all'interno di un ambiente condiviso: ciò nonostante, spesso vengono dimenticati e sottovalutati.

Per comprendere quanto invece possa essere estremamente pericoloso, i ricercatori dell'Università di Aberdeen hanno condotto uno studio, pubblicato sulla rivista specializzata Tobacco Control e sul British Medical Journal, in cui andavano ad analizzare l'atmosfera di 93 abitazioni di fumatori, mettendola a confronto con quella di 17 case di non fumatori. Il risultato ha evidenziato come nei salotti delle prime i livelli di inquinamento erano circa 10 volte superiori a quelli dove non veniva accesa alcuna sigaretta.

Misurando la quantità di particelle inquinanti presente nell'atmosfera delle abitazioni in cui il tabagismo è un'abitudine, si riscontrano livelli di tre volte superiori a quelli che l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha imposto come limite di sicurezza. La conseguenza diretta di una tale scoperta risulta piuttosto eloquente: chi convive con un fumatore risulta esposto a standard di particolato fine paragonabili a quelle delle città più inquinate del mondo, come Londra o Pechino.

Il particolato fine, o PM2,5, è composto da varie particelle tossiche per l'organismo: è definito come polvere toracica, in quanto in grado di penetrare in profondità all'interno dei polmoni durante la respirazione, e viene generalmente utilizzato per quantificare i livelli di inquinamento atmosferico. Tale risultato mette in luce un tipo di inquinamento di cui si parla poco, quello indoor, ovvero sia quello presente nelle nostre case e dovuto precipuamente al fumo passivo: dunque, se ci sta a cuore la nostra salute e quella di coloro i quali vivono assieme a noi, occorre spegnere una volta per tutte la sigaretta.  

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli