spot_imgspot_img

Utilità della sigaretta elettronica nei malati di cancro

Studio scientifico

Sulla reale utilità delle sigarette elettroniche per smettere di fumare c’è ancora molto da studiare: uno studio condotto presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York e pubblicato sulla rivista Cancer ha cercato di capire se le sigarette elettroniche sono uno strumento davvero utile per far smettere di fumare i pazienti con cancro, che al di là del tipo di cancro da cui sono affetti non dovrebbero assolutamente fumare.

Gli autori dello studio hanno seguito 1074 pazienti con cancro fra il 2012 e il 2013 tutti fumatori.
Nel 2012 ad usare la sigaretta elettronica come strumento per smettere di fumare sono stati poco più del 10% dei pazienti coinvolti nello studio, mentre nel 2013 sono stati il 38,5.
I pazienti che usano la sigaretta elettronica sono risultati più dipendenti dalla nicotina degli altri.

Lo studio presenta numerose limitazioni, ma è un ulteriore indizio su quanto ci sia ancora da studiare sul rapporto dannobeneficio della e-cig.
Per il momento gli autori dello studio sentono di consigliare che chi ha il cancro deve smettere di fumare avvalendosi di programmi di disassuefazione, di supporto psicologico e dei soli presidi approvati dalla FDA (Food and Drug Administration). 

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli