spot_imgspot_img

Un nuovo trattamento per il cancro del collo dell’utero

Dall'attualità

Secondo i dati diffusi dallo U.S. National Cancer Institute solo nel 2014 negli Stati Uniti a 12000 donne sarà diagnosticato il cancro del collo dell’utero e moriranno di tale malattia almeno 4000 donne: il principale fattore di rischio per questo tumore è l’infezione da HPV, il papilloma virus che si trasmette per via sessuale.

La Food And Drug Administration con un comunicato stampa ha informato che ha approvato l’utilizzo del farmaco Avastin per il trattamento del tumore della collo dell’utero nella forma aggressiva e in fase avanzata.
Il farmaco dovrà essere utilizzato in combinazione con altri chemioterapici quali il paclitaxel e il cisplatino; avastin agisce bloccando la crescita dei vasi sanguigni che alimentano le cellule cancerose.

Il farmaco è stato approvato a seguito della valutazione di studi clinici che hanno analizzato i dati di 452 donne malate: l’uso del farmaco in combinazione con la chemioterapia ha portato a circa 16,8 mesi la sopravvivenza delle donne contro i 12,9 mesi delle donne trattate con la sola chemioterapia. Fra i principali effetti collaterali di Avastin affaticamento, perdita di appetito, ipertensione, iperglicemia, perdita di peso, infezioni delle vie urinarie. 

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli