spot_imgspot_img

Gli anziani con un cane dimostrano 10 anni di meno

Un rimedio contro vecchiaia e solitudine

Cosa non darebbe l'uomo per scoprire dove si trova la fonte dell'eterna giovinezza: cosa non darebbe per poterne bere almeno un sorso di modo da rimanere prestante in eterno. Il terrore di invecchiare è una delle costanti della vita degli esseri umani: e come darci torto. Diventare anziani significa perdere lentamente le nostre primarie facoltà: correre, spesso anche camminare, diventa difficoltoso quando non impossibile; la vista cala; l'indipendenza fisica va via via deteriorandosi, rendendo sovente il viaggio verso il termine della nostra esistenza un lungo calvario.

Per questa deprimente ragione l'uomo, intimorito da una regressione tale delle proprie potenzialità, da sempre ha cercato i modi, se non per arrestare il tempo che passa, per invecchiare più lentamente possibile, giungendo spesso anche a buttar via cifre importanti in maniera sconsiderata sull'altare di ciarlatani che scoprono diete totalmente inventate, o per lifting che ne cambiano i principali connotati. Uno studio della Saint Andrew University, pubblicato sulla rivista specializzata Preventive Medicine, ha confermato che questi trucchi non servono: basta qualcosa di molto più banale. Basta, per esempio, prendersi cura di un cane per ringiovanire sensibilmente.

I ricercatori scozzesi hanno condotto una sperimentazione su 547 persone di età media di 79 anni proprietari di un cucciolo: per una settimana ne hanno monitorato i principali parametri vitali, e i livelli di ansia e depressione, ogni volta che questi uscivano di casa per accompagnare il proprio amico a quattro zampe nella tradizionale camminata per espletare i suoi bisogni fisiologici e magari fare amicizia con altri della sua specie. Le rilevazioni condotte dagli scienziati hanno evidenziato e stabilito che chi possiede un cagnolino dimostrava di essere fino al 12% più in forma rispetto ai coetanei senza animaletto domestico, cosa che li induceva a possedere gli stessi parametri vitali di una persona con dieci anni di meno sul groppone.

Un risultato per certi versi sorprendente. Nessuno può restituire dieci anni d'esistenza ad una persona, nemmeno il migliore e più fedele dei cagnolini: ciò nonostante, il modo in cui si arriva ad ottanta anni conta eccome. Essere in grado di svolgere l'attività fisica, pur breve e limitata, che ti impone il prendersi cura del migliore amico dell'uomo rende sicuramente la vecchiaia meno gravosa e il fisico più in forma, grazie ad uno stile di vita meno sedentario. Per non parlare della compagnia e dell'affetto che questi cuccioli possono donare in maniera assolutamente spassionata ad una persona.  

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli