spot_imgspot_img

L’antidepressivo più adatto nei pazienti con cancro

I malati di cancro soffrono spesso anche di depressione: si stima che circa la metà dei malati sperimenta anche sintomi depressivi da moderati a gravi.

L’efficacia degli antidepressivi nei pazienti con cancro non è ancora stata rigorosamente testata: uno studio pubblicato sulla rivista General Hospital Psychiatry ha effettuato una metanalisi e una revisione degli studi esistenti sull’argomento.
 L’attenzione dello studio, in particolare,  si è soffermata su due inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina la fluoxetina e la paroxetina e sulla mianserina, un bloccante dei recettori alfa-2 adrenergici, questo farmaco però non è disponibile in America; gli autori pensano che sarebbe interessante effettuare uno studio utilizzando la mirtanzapina, una molecola ad azione simile alla mianserina, ma molto più diffusa.

Gli antidepressivi possono interagire con i farmaci normalmente utilizzati nella chemioterapia, molto pericolose possono essere le interazioni con il tamoxifene, un farmaco molto comune nelle chemio: la fluoxetina e la paroxetina, rispetto alla mianseria sembrano produrre un maggior numero di effetti collaterali, ma sembrano alleviare meglio i sintomi depressivi; l’efficacia di questi antidepressivi è stata testata contro placebo. 

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli