spot_imgspot_img

Le emozioni? Questione di cuore, e un algoritmo le rivela

Nell'immaginario collettivo il cuore di una persona ha sempre avuto un posto di rilievo per quanto riguarda le sue emozioni. Di pietra quando spietato, d'oro quando generoso, ipercinetico quando innamorato, leonino quando coraggioso: le reazioni più istintuali degli uomini trovano la loro sede naturale, secondo la tradizione, nel muscolo cardiaco. Al contrario del cervello, ritenuto dimora di intelletto, razionalità, distacco e pensiero, quasi come fossero due entità contrapposte che si completano a vicenda e che combattono tra di loro per avere la meglio sulle decisioni della persona che li ospita.

La scienza moderna, oggigiorno, ha scandagliato quasi ogni centimetro del corpo umano, trovando per ciascuna emozione provata da una persona la propria sede all'interno dell'encefalo, ponendo in questo modo una specie di minaccia nei confronti dell'immagine romantica che abbiamo del cuore. Ciò nonostante, uno studio dell'Università di Pisa ha cercato di ristabilire il predominio del muscolo cardiaco sulle emozioni e sull'istinto, grazie alla scoperta di un algoritmo matematico in grado di decifrare le sensazioni provate attraverso la lettura dell'elettrocardiogramma.

La sperimentazione, condotta in collaborazione con l'Università dell'Essex, l'Harvard Medical School, il Mit di Boston e pubblicata in questi giorni sulla rivista specializzata Nature, Scientific Report, si inquadra all'interno della cornice progetto Psyche, iniziato oramai cinque anni fa dai ricercatori toscani e che ha già portato a vari risultati. È stata infatti già concepita una t-shirt intelligente in grado di riconoscere, grazie a vari elettrodi e sensori, lo stato emotivo di pazienti con problemi psichiatrici, di modo da monitorare continuamente la loro situazione. Anche l'algoritmo sviluppato durante la sperimentazione può risultare utile per quanto riguarda il campo della psicofisiologia: grazie ad un semplice elettrocardiogramma si può predire la dinamica cardiaca di un soggetto sotto osservazione e capirne le emozioni provate durante questionari e interviste. Come si suol dire, al cuore non si comanda: e d'ora in poi basterà qualche elettrodo per essere come un libro aperto.  

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli