spot_imgspot_img

Consumare pistacchi diminuisce il rischio di diabete

Merito di antiossidanti come vitamina E e carotenoidi

Ci sono certi cibi, spesso sottovalutati, che se assunti diminuirebbero il rischio di incorrere in patologie purtroppo sempre più in crescita, come obesità, colesterolo e diabete. Uno di questi alimenti miracolosi è il pistacchio, secondo uno studio condotto dall'Universitat Rovira i Virgli di Tarragona e presentato al Convegno Europeo sull'Obesità tenutosi a Sofia. I ricercatori spagnoli hanno condotto una sperimentazione su 54 persone, in procinto di sviluppare diabete e obesità, dividendole in due gruppi: il primo era sottoposto alla tipica dieta mediterranea, al secondo era stato chiesto di aggiungere alla propria alimentazione 57 grammi di pistacchi al giorno. Se la differenza in termini di chili di troppo non risultava significativa tra i due campioni, a stupire è stata la diminuzione dei livelli di insulina nel secondo gruppo: spia del fatto che l'organismo riusciva ad assorbire e gestire meglio gli zuccheri ingeriti.

Il merito sarebbe da attribuire alla particolare composizione chimica dei pistacchi. Si tratta infatti di un alimento a basso contenuto di sodio e colesterolo, a fronte di una particolare ricchezza di vitamina B6, vitamina E, carotenoidi come la luteina, e sali minerali come potassio, ferro, rame e manganese. Tutte caratteristiche che attribuirebbero a questo frutto proprietà antiossidanti di contrasto all'eccesso di radicali liberi nell'organismo, condizione che è stata associata allo sviluppo di varie patologie, tra cui quelle di tipo neurologico.

È stato tra l'altro dimostrato che l'assunzione di frutta a guscio, come noci, nocciole e mandorle, contribuisce a diminuire del 30% il rischio di malattie cardiovascolari come infarto del miocardio, arteriosclerosi e ictus, tutte patologie correlate all'obesità: dunque, aggiungere questo tipo di alimento alla propria dieta non solo non comporta un aumento di peso, ma contribuisce ad allontanare lo spauracchio di condizioni che diminuiscono sensibilmente l'aspettativa e la qualità della vita.  

spot_imgspot_img

Articoli correlati

spot_img

Ultimi articoli